Recensioni Ebook

SVELATI GLI ARGOMENTI DEGLI EBOOK! Bugie, verità e alternative dal mondo degli ebook.

Ebook "La torre di AdSense"AdSense è un sistema pubblicitario messo a disposizione da Google e con il quale si può guadagnare denaro ogni volta che un utente clicca sulla pubblicità.

E’ un sistema abbastanza semplice da utilizzare e la maggior parte delle persone non guadagna più di pochi centesimi ogni mese.

In questa prima parte abbiamo dei “segreti” alla portata di tutti in quanto non sono altro che estrapolazioni delle linee guida di Google condite, nell’ebook, con qualche frase sensazionalistica. A riprova di ciò ho provveduto ad inserire i link alle pagine dove potrete trovare le stesse informazioni (GRATIS!)

Mauro De Carlo, autore dell’ebook “La torre di AdSense”, edito dalla Bruno Editore, assicura che AdSense può diventare una miniera d’oro (chissà se lui ce l’ha fatta).

Certamente gli utenti non la pensano come lui dato che sul sito del venditore ha un misero voto di 4,2, in una scala da 1 a 10, alla data in cui scriviamo.

Come tutti gli ebook editi dalla Bruno Editore, anche questo si divide in 7 giorni, ovvero 7 capitoli da imparare e mettere in pratica uno al giorno.

Andiamo a scoprirne i “segreti”.

Argomenti dell’ebook su La Torre di AdSense

Giorno 1: “Come mettere le fondamenta”

Il primo capitolo di “La torre di AdSense” è scritta per puri principianti. Chi non sa cosa sia AdSense qui trova, a grandi linee, la spiegazione di cosa sia e come funziona. Pertanto abbiamo la spiegazione che AdSense è un sistema pubblicitario che visualizza annunci pertinenti con il contenuto della pagina. Particolarmente fastidioso è la trasformazione di questa banale informazione in un “SEGRETO“!

Estratto di "La torre di AdSense"

Il segreto di Pulcinella...

Purtroppo poi si passa subito a raccontare un po’ di fandonie (non è il solo a quanto sembra) quando si spiega perchè AdSense è il programma pubblicitario migliore. Secondo l’autore:

  • si possono percepire vari dollari per ogni click

    (FALSO – in linea teorica è vero, ma in pratica ogni click fa guadagnare pochi centesimi. In Italia sono pochissime le pubblicità che arrivano a 1 euro ogni click. Forse succede nel mercato Americano. Da noi la media è di 15-25 cent ogni click come si può vedere dal post di Paolo Moro)

  • con AdSense si ha un’alta percentuale di click poichè è normalissimo che un visitatore clicchi sugli annunci.

    (FALSO – la percentuale di click media si aggira intorno all’1-2%. Secondo l’autore “con un po’ di prove, di intelligenza e di esperienza è possibile arrivare ad una percentuale di click superiore al 25%“. C’è qualcuno in Italia che può dimostrare con fatti e documenti reali tale affermazione?)

  • iniziare a guadagnare con AdSense è semplice, basta copiare un codice Javascript (VERO)

Continuando abbiamo una panoramica di come iscriversi ad AdSense, e il suggerimento di seguire attentamente il regolamento posto da Google per evitare di venire bannati (come succede a molte persone).

Mauro De Carlo ci fa poi una carrellata dei vari prodotti AdSense che si dividono in AdSense per i contenuti (insiemi di annunci e insiemi dei link), AdSense per la ricerca e AdSense per i contenuti mobile (per i siti ottimizzati per la navigazione da cellulare).

In alto è meglio

Un consiglio che viene fornito, e che forse non tutti conoscono, è che l’ordine degli annunci incide sui guadagni. Quindi gli annunci più remunerativi saranno quelli posti più in alto in relazione al codice HTML, proprio come dicono le linee guida di Adsense.

Per completare le nozioni di base abbiamo una spiegazione sui vari formati degli annunci. Viene consigliato di usare gli annunci testuali in quanto più cliccati rispetto a quelli illustrati e video.

Quali sono i formati pubblicitari più remunerativi?

A quanto sembra gli annunci più remunerativi sono:

  • il rettangolo grande (336 x 280)
  • leader board (728 x 90)
  • skyscraper largo (160 x 600)

è opportuno seguire gli esempi di posizionamento presenti nella pagina dei formati degli annunci. Cercare di attirare l’attenzione sugli insiemi di annunci per i contenuti, con immagini poste sopra gli annunci (mai a lato degli stessi in quanto è vietato dal regolamento di Google!)

AdSense per la ricerca

E’ un sistema messo a disposizione da Google per cercare pagine nel tuo sito o nel web. Può essere implementato nel sito e quando l’utente fa una ricerca appare una pagina con i risultati trovati contenenti le parole cercate. Insieme a questi risultati ci saranno anche degli annunci pubblicitari. Si guadagna se qualcuno clicca su questi annunci. Per utilizzare AdSense per la ricerca interna è necessario che il sito sia stato indicizzato nelle SERP di Google. Utilizzare AdSense aiuta a far sì che Google indicizzi anche il sito.

Finalmente arriva un buon consiglio…

Testare i propri annunci con i “criteri”. I criteri sono una funzione di AdSense presente nel proprio pannello amministrativo. Forse quando è stato scritto l’ebook si chiamavano criteri, ma oggi si chiamano canali.

Associare OGNI unità di annunci ad un canale permette si sapere quale unità ha ricevuto più click. Con tali informazioni si possono cominciare dei test cambiando le posizioni e i colori degli annunci, valutando quali sono quelli che rendono di più. Per un utilizzo dei canali potete affidarvi alla guida ufficiale per l’ottimizzazione dei canali AdSense.

L’ebook consiglia di evitare i criteri URL in quanto forniscono dati generici, non permettendo di sapere quali insiemi di annunci sono stati cliccati, ma forniscono la somma dei risultati della pagina nel complesso.

Consiglio di seguire anche i Webinar, lezioni registrate sull’argomento AdSense. Per poterle visualizzare occorre avere un account AdSense. Nel vostro pannello amministrativo cliccate sul tab “risorse” e avrete l’elenco di TUTTO ciò che vi serve per imparare approfonditamente l’uso di AdSense.

Tab risorse AdSense

Dove prende le parole chiave AdSense?

Per fornire gli annunci in linea con l’argomento della pagina, lo spider AdSense guarda alcune parti dell’HTML:

  • URL della pagina (mettere le parole chiave in tema con il contenuto)
  • tag TITLE
  • tag Heading (H1… H6)
  • contenuto della pagina con riguardo alle parole enfatizzate per mezzo del grassetto (< STRONG >)

Secondo Mauro De Carlo gli annunci sono influenzati mettendo le parole chiave appena sotto il codice Javascript che mostra la pubblicità.

Altri elementi da tenere in considerazione per avere annunci contestuali sono:

  • l’attibuto ALT delle immagini
  • l’anchor text dei link

Tutti gli elementi devono essere coerenti fra loro e con l’argomento della pagina per avere annunci a tema.

Queste sono le informazioni base che devono essere seguite da chiunque voglia ottimizzare una pagina web con specifiche parole chiave per i motori di ricerca. AdSense segue le stesse linee.

Seguire il regolamento di AdSense

Google non è un’associazione di beneficenza e da quel che si legge in giro ha il ban molto facile (e a volte molto ingiusto!). Se si viene bannati dal programma AdSense è quasi certo che non si avrà la possibilità di rientrare. Per evitare i ban occorre seguire alla lettera il regolamento AdSense astenendosi soprattutto dal CLICCARE SUGLI ANNUNCI DEL PROPRIO SITO, USARE SOFWARE AUTOMATICI, INCITARE UTENTI, AMICI E PARENTI A CLICCARE PERIODICAMENTE SUGLI ANNUNCI ADSENSE.

E’ vietato inoltre fornire pubblicamente informazioni sulle prestazioni di AdSense (CTR, CPM, ricavi, ecc…). E’ possibile solo fornire le somme guadagnate per giorno, mese, anno.

E’ vietato utilizzare più account. Uno dei due verrebbe subito chiuso. Lo stesso account si può usare su più siti. Una volta che google ha valutato e accettato il primo sito (di solito è di manica larga!), gli altri potranno essere aggiunti senza ulteriori verifiche da parte di Google.

Non inserire AdSense in pagine protette. Se si vuole farlo comunque è necessario impostare AdSense fornendo allo spider il nome utente e password per permettere di controllare le pagine e accertarsi che non contengano contenuti vietati.

Non utilizzare box AdSense con etichette tipo “Siti amici” o “Siti interessanti” per indurre a cliccare. Meglio non utilizzare nessuna etichetta per non far capire che sono pubblicità.

Non coprire parte dei box AdSense nè modificare il codice Javascript degli annunci.

Non usare AdSense in linguaggi non supportati. Controllate l’elenco dei linguaggi supportati.

Non visualizzare gli annunci in sofware o email.

Detto ciò l’ebook passa a spiegare l’uso del filtro degli annunci della concorrenza per evitare di inviare pubblicità e clienti ai vostri diretti concorrenti. E’ utile utilizzare tale filtro anche per gli annunci che rendono pochi centesimi a click. E’ bene tenere conto che per certi argomenti gli annunci possono essere limitati, pertanto esagerare con i filtri si rischia di rimanere senza annunci da visualizzare.

In questo primo giorno abbiamo esclusivamente tutte le informazioni che possiamo trovare anche nella pagina originale della Guida di AdSense. L’autore non ha fatto altro che riprenderne delle parti e rivenderle come se fossero “segreti”.

Per oggi ci fermiamo qui e vi rimandiamo alla seconda parte della recensione ebook “La Torre di Adsense”.

Se avete commenti in merito sarò felice di leggerli e discuterne con voi.

Tags: -

Torna su
Torna su

2 Commenti a “La Torre di Adsense (Mauro De Carlo) – paghi ciò che è gratis”

  1. Max ha detto:

    Ragazzi, grazie per questo sito, ma mi sembra che quasi tutte le rece siano negative…che il mercato italiano degli ebook sia composto del 99% da fuffa? Marco de Carlo è un tuttologo, ho visto che ha fatto anche cose di inglese e sui mercati immobiliari…chi tratta di tutto non è esperto di niente. Spero davvero che pochissimi utenti si siano fatti raggirare buttando i loro soldi per questo ebook e per altri fatti da gente che scrive su mille argomenti non correlati fra essi spacciandosi per esperto quando non è altro che un ricopiatore di contenuti già presenti ovunque nei siti dedicati!

  2. La Torre di AdSense ha detto:

    Sono Marco De Carlo, ho letto con attenzione la recensione del mio libro e non posso non replicare. Prima di tutto è facile intravedere nelle parole dell’autore della recensione un senso di frustrazione, forse perchè non riesce a ottenere dei buoni risultati con AdSense.

    Mi viene spontaneo pensarlo perchè ha voluto mostrare solo alcune parti del libro, tralasciando altre parti fondamentali. Il libro dice chiaramente che non si tratta di un gioco, che per avere risultati è necessario impegnarsi a fondo, come in tutti i settori della vita.

    Mi sembra che l’autore della recensione abbia letto con molta sufficienza il libro, soprattutto con preconcetti in testa e altre convinzioni limitanti che probabilmente non fanno vedere le cose come stanno. Il mio nome per esempio è Marco De Carlo, non MAURO… ditemi voi se il libro è stato letto con attenzione dato che non sapete neanche il nome dell’autore del libro… mah…

    Ad ogni modo penso si tratti di critiche gratuite, da un sito non autorevole. Il libro ha venduto centinaia di copie, e ho ricevuto tantissime email di ringraziamento, decine e decine di testimonianze di persone molto soddisfatte. Persone che grazie ai consigli del libro hanno potuto guadagnare e divertirsi cimentandosi in questa attività. E questo per me significa qualcosa.

    Molte persone, a contrario di questo sito, hanno buoni risultati con AdSense. Ma non è un qualcosa di immediato. Ci vuole impegno, lavoro, deduzione. E questo nel libro è spiegato.

    Sentirsi dare del ridicolo da un sito con una dozzina di post, zero sponsor, 0 lettori ai feed… è più sintomo di frustrazione che realtà. Dovreste seguire i consigli del libro. Se voi non riuscite a guadagnare non significa che non sia possibile. E non è corretto far passare questo messaggio ai lettori. Perchè potreste scoraggiarli, facendo perdere loro un’opportunità.

    Perchè quello che viene percepito è questo, ne parlate come se fosse una truffa. E’ un libro che costa meno di 10 euro (quando è uscito ne costava 60), non pretende di far diventare ricche le persone in 10 minuti. Ma aiuta comunque ad avere un’altra entrata. Poi se questa entrata sarà grande o piccola dipende dall’impegno.

    Non so che dire, avete nelle mani la conoscenza ma non sapete metterla in pratica. Se io ho ottenuto ottimi risultati con AdSense è grazie a quello che spego nel libro. Considerate spazzatura il libro e non guadagnerete; consideratelo oro e guadagnerete. Sapete a quante persone è caduta in testa una mela da un albero, ma solo Newton ha formulato la legge di gravitazione universale…

    Un saluto,
    Marco (non Mauro) De Carlo

Lascia un commento...

Torna su
Sponsors
Tutte le recensioni sono pubblicate in conformità della Legge 22 aprile 1941 nr. 633 Art. 70

Most Commented

About Me

There is something about me..

Twitter

    Photos

    Activate the Flickrss plugin to see the image thumbnails!