Recensioni Ebook

SVELATI GLI ARGOMENTI DEGLI EBOOK! Bugie, verità e alternative dal mondo degli ebook.

Copertina del libro  L'uomo più ricco di babilonia

In questo libro potresti esserci anche tu

Ci sono personaggi che hanno perso tutto per un investimento sbagliato, altri che hanno speso il patrimonio in gioco e alcol, altri ancora che arano lo stesso campo da 40 anni… e chissà quanti altri anni ancora dovranno percorrere gli stessi solchi, se non cambiano qualcosa. Tu di quale genere di persona fai parte?

L’uomo più ricco di Babilonia” ha tutti questi personaggi, ognuno con una storia diversa ma accomunati dalla voglia di emergere e cambiare il proprio destino fatto di rinunce e giornate sempre uguali. Sono storie nelle quali ognuno di noi può ritrovare una parte di se stesso e della propria vita attuale, malgrado il testo sia stato scritto nel 1926!

La mia opinione sul libro

L’ho letto in una notte. Scritto sotto forma di romanzo ambientato nell’antica Babilonia, scorre via con una facilità impressionante, invogliando a girare pagina una dopo l’altra.

Raramente ho letto libri che, pur essendo così piccoli, contengono una grande quantità di informazioni espresse in maniera tanto chiara e affascinante. Avrei voluto leggerlo anni fa, quando ho intrapreso la strada della mia vita che mi ha portato a diventare un dipendente pubblico destinato alla delusione e all’apatia.

Argomenti del libro

Elencare tutti gli argomenti del libro è molto difficile dato che ogni capitolo ribolle di metafore e situazioni azzeccatissime che ognuno di noi vive giornalmente.

Si può imparare come “diventare ricchi”?

Bansir e Kobby, costruttore di carri l’uno e musicista l’altro, lo hanno chiesto ad Arkad, loro vecchio compagno di scuola diventato l’uomo più ricco di Babilonia. Arkad non era meglio di Bansir e Kobbi ai tempi della scuola. Non era migliore nelle materie, non eccelleva nello sport, non veniva da una famiglia ricca. Insomma Arkad era uno come loro.

“Come poteva aver avuto, quindi, un destino così diverso?”

Bansir e Kobbi lo scopriranno grazie ai racconti del loro vecchio amico che, tenendo lezione ad altre centinaia di persone inviate dal Re affinché ne imparassero i segreti da diffondere a tutta la popolazione, svelerà quelli che chiama “I 7 rimedi per riempire la borsa vuota”:

  1. risparmiare il 10% delle entrate
  2. limitare le spese inutili
  3. moltiplicare il denaro (investire)
  4. evitare le perdite di capitale (investire con criterio)
  5. assicurarsi delle rendite per il futuro
  6. aumentare la capacità di guadagno
  7. comprare una casa, non andare in affitto

(Quest’ultimo rimedio è esattamente l’opposto di quanto consigliato da Alfio Bardolla nel suo libro che ho recensito “I soldi fanno la felicità”. Ritengo però che in questi tempi moderni, se si vuole raggiungere in benessere economico, sia da seguire la linea di Bardolla per quanto riguarda la casa.)

Durante queste lezioni di Arkad arrivano domande dagli allievi:

  • la fortuna esiste o non è altro che la capacità di saper cogliere le occasioni?
  • a chi mi rivolgo per fare un investimento? Me ne ha appena proposto uno un mio buon amico…
  • ho ricevuto molto denaro, un mio familiare me ne chiede una parte per avviare un’attività. Come mi devo comportare? Glielo concedo?

le risposte di Arkad, per quanto mi riguarda, non fanno una piega!

Conclusioni

  • Pagine: 170
  • Caratteri: circa 277440

Un libro scritto sotto forma di favole che raccontano grandi verità. Una bella differenza coi libri ed ebook che vogliono far passare per verità delle grandi favole.

Se lo volete nella vostra libreria lo trovate qui.

Tags: - -

Torna su
Torna su

Lascia un commento...

Torna su
Sponsors
Tutte le recensioni sono pubblicate in conformità della Legge 22 aprile 1941 nr. 633 Art. 70

Most Commented

About Me

There is something about me..

Twitter

    Photos

    Activate the Flickrss plugin to see the image thumbnails!